Camminare e meravigliarsi

Se come ho letto ,il “meravigliarsi” aumenta le difese immunitarie,perché non meravigliarsi mentre esci di casa ,ovviamente in modo positivo.
Pertanto vorrei uscire sia a piedi che in bicicletta,a tal proposito su piste ciclabili non ostruite dalle automobili che qui a Bisceglie è la norma,guardando sculture e leggendo per terra su targhe in ottone o altro materiale di una poesia o di una canzone.Per esempio il percorso che a Polignano porta alla statua di Modugno dovrebbe essere segnato da targhe poste sul pavimento con i versi di “Volare”, leggendo un verso alla volta fino ad arrivare alla statua.
Vorrei uscire per strada a Bisceglie e non vedere spazzatura e cartacce ovunque ma belle statue che riguardano il mare come un palombaro o riferimenti al dolce tradizionale della città o alle ciliegie e così via.
Vorrei che le mura antiche fossero contaminate con figure fantastiche ,tipo due grandi pupazzi che pescano nel porto difronte.
Vorrei che il lungomare avesse delle sculture tipo anemometri o girandole che mi facessero pensare al vento ,alla libertà .
Girando un poco per il mondo ho collezionato diverse foto di arredo e uso degli spazi pubblici ,se volete ve le posto,dato che ho provato a farlo con persone della giunta qui a Bisceglie ma niente è poi accaduto.
Vorrei in una parola vivere nel bello ,nello stimolante e non vedere solo cassonetti,cartacce e cacche di cani ovunque.Vivo qui ma davvero a volte mi vergogno quando vengono amici da fuori regione e Italia.
Sebastiano Chieppa

2 Risposte a “Camminare e meravigliarsi”

  1. giancarla trizio il

    Ciao Sebastiano, molto bella l’idea delle targhe con le parole delle canzoni di Modugno. Magari si realizzasse, sarebbe molto bello.

    Rispondi

Scrivi un commento

  • (will not be published)