se non ora quando!

I viaggiatori internazionali cercano oggi un’offerta organizzata e, anche se l’Italia rappresenta per più di una ragione la meta più desiderabile, spesso la scelta finale premia altre destinazioni perché complessivamente più organizzate. Però è chiaro che il turismo non può essere inteso solo come un fatto meramente economico e organizzativo, ma allargata l’analisi, va considerato come un’esperienza umana globale. La teoria psicografica di Plog, si basa sull’analisi dei parametri della tipologia dei turisti che popolano una destinazione in una determinata epoca, in cui ad un estremo ci sono:
1) I turisti “psicocentrici”, inibiti, privi di senso dell’avventura, che quindi vogliono la guida e il pacchetto turistico preconfezionato.
2) All’estremo opposto, ci sono i turisti “allocentrici”, amanti delle destinazioni poco turistiche e vogliono il viaggio avventuroso da gestire in autonomia.
3) La maggior parte dei turisti si trova nel mezzo, ovvero sono “mediocentrici”, perché si spostano gradatamente verso le zone già esplorate dagli allocentrici, ma non danno mai inizio per primi a viaggi inusuali.
Secondo questa teoria lo sviluppo e la maturità di una zona dipende dalla tipologia della popolazione turistica, laddove la presenza di turisti allocentrici indica una zona in via di sviluppo, quella di mediocentrici  un turismo di massa, mentre la comparsa dei primi psicocentrici indica un prevedibile,  prossimo declino o una caduta in termini qualitativi con il relativo declassamento della destinazione.
In questa ottica l’organizzazione turistica non è un’attività casuale e improvvisata, ma più scientifica che parte dall’analisi della motivazione, si allarga all’ideazione e pianificazione, per arrivare alla realizzazione e collaudo del “pacchetto turistico”, che verrà fatto sulla base delle esigenze e motivazioni dei consumatori quindi sempre più Taylor made.
Il sud Italia e in particolare la Puglia potrebbe giocare un ruolo fondamentale nell’intercettare i flussi turistici del Mediterraneo che a seguito delle varie crisi economiche (Grecia) e politiche (Egitto e Tunisia) ha ridotto i competitor nella zona.
Bisogna infatti sviluppare sempre nuovi canali di vendita, sia quelli dedicati ad informare in tempo reale, che quelli volti ad influenzare ed ispirare i potenziali viaggiatori cercando di conquistare rapidamente la quota di mercato oggi disponibile.
In particolare Puglia Promozione potrebbe sviluppare un’indagine approfondita riguardo i movimenti dei turisti “allocentrici”.

Scrivi un commento

  • (will not be published)