Rete degli operatori delle strutture ricettive

Salve son Lorenzo Luisi, cartografo professionista e appassionato di stereoscopia indirizzata al turismo http://goo.gl/HmIkh1
Qui rappresento l’Associazione Amici dei Diversabili [http://www.amicidiversabili.it] di Putignano (BA).
Recentemente abbiamo presentato una proposta (pubblicata su http://goo.gl/V49sZn) nell’ambito dei “Processi Partecipativi via web” e che è risultata essere la più votata (quattro segnalazioni) dagli utenti registrati della piattaforma stessa ed … è finita lì.
Rilanciamo quindi la nostra proposta che ha per obiettivo il miglioramento della ricettività del territorio locale pugliese attraverso una strategia che veda gli operatori agire in una logica di rete territoriale fra portatori di interessi.
L’Amministrazione comunale dovrebbe farsi carico di incentivare la costituzione di una rete di strutture ricettive sul territorio delle grotte e dei trulli, anche attraverso il coinvolgimento del GAL (Gruppo di Azione Locale) e del SAC (Sistema Ambientale e Culturale).
La rete dovrebbe avere la funzione di comunicare maggiormente l’offerta turistica del territorio e potrebbe, tra le altre cose, funzionare come un albergo diffuso nel senso che dovrebbe avere una realtà unica che si occupa di gestire l’ospitalità, avendo operatori disposti anche a mettere in condivisione alcuni servizi (si pensi a piscine, stazioni per biciclette e/o cavalli etc.).
Per realizzare effettivamente un sistema locale è importante l’opera di mediazione, concertazione e formazione di tutti gli operatori al fine di combattere lo scetticismo che finora ha impedito di portare avanti una simile proposta.
L’Amministrazione dovrebbe anche interfacciarsi (mediante l’URP ad esempio) con i tour operator che si occupano dell’incoming e promuovere il dialogo fra tutti i soggetti coinvolti: agenzie di incoming, operatori del settore ricettivo, esercizi commerciali, cittadini.
La proposta è liberamente replicabile, integrabile e scalabile, mentre la parte riguardante l’associazione che rappresento è quella di dare un’opportunità ai ragazzi che segue facendo loro da tramite per impieghi, nell’ambito delle loro abilità, nelle strutture ricettive connesse.

Una risposta a “Rete degli operatori delle strutture ricettive”

  1. Domenico Pugliese il

    Gentilissimo Lorenzo, il mio contributo precedente sull’attivazione dei Sistemi Turistici Locali mira proprio ad agire con una logica di sistema territoriale più estesa del Comune in quanto se vogliamo aumentare la permanenza media del turista nella zona Murgia dei trulli occorre vendere un territorio più esteso facendo intervenire anche i GAL, Comuni, SAC ma con logiche private e non pubbliche in quanto il turismo è il settore più dinamico per cui attività intraprese oggi potrebbero essere già vecchia se fatte con mesi di distanza.
    In riferimento all’associazione le comunico che in data 14 luglio ad Alberobello si terrà un workshop sul turismo accessibile al quale la invitiamo a partecipare.

    Rispondi

Scrivi un commento

  • (will not be published)